Su chi buttarsi?

23 aprile 2008

Ci sono tanti autori di cui ho letto solo un’opera, massimo due, ma di cui vorrei leggere non dico tutto ma bonaparte. Ci sono altri autori che invece non ho mai letto e che sono nella lista delle letture da fare “prima o poi”. Ecco, il prima o poi è ora. Camilleri, Grisham, persino Faletti, Simenon, Martin (che ho già deciso di rimandare al 2009), Lucarelli, Ludlum, Palahniuk, Lansdale. A parte Martin, tutti gli altri sono assimilabili a quel genere che spazia dal giallo al thriller al noir che a me non ha mai entusiasmato molto.
Quindi… la domanda sorge spontanea: da chi iniziare? E con quale romanzo? Sondaggino.

21 comments

  1. Marco Taddia - 23 aprile 2008 18:34

    Io avrei votato Valerio Massimo Manfredi, poi ve ne sarebbero molti altri, da Asimov a Butticchi, ma sono tutt’altro genere.
    Tra quelli rimmarrei sugli italiani leggendo solo il primo di faletti e poi camilleri e lucarelli.

  2. Sheldon Pax - 23 aprile 2008 18:38

    Charles Stross.

    Di quelli in lista m’incuriosiscono Camilleri e Lucarelli; Faletti ha cominciato bene, poi s’è perso per strada.

  3. Matteo - 23 aprile 2008 18:58

    concordo su Manfredi e anche su Faletti (leggi solo “Io Uccido”; personalmente li ho letti tutti e tre, ma solo il primo vale la pena).

    Tra quelli non in lista direi Follet e White (tra quelli più recenti).

  4. paola - 23 aprile 2008 21:47

    ho letto solo faletti tra quelli, concordo con matteo pure se non ho letto l’ultimo (ma non ne sento la mancanza)

  5. Loredana - 23 aprile 2008 23:21

    Per quando arriverai a Grisham, se non l’hai già letto, consiglio “La Giuria”.

  6. TFM - 24 aprile 2008 00:49

    Lansdale così poi mi dici com’è :)
    Poi Simenon (che spacca). E Palahniuk.

    Montalbano mai, per piacere. Montalbano perché mi dicono che invece altri di Camilleri valgano.

  7. Leo - 24 aprile 2008 09:44

    Faletti,IO uccido, il migliore.IL SECONDO ANCHE BELLO, il tezo non legegrlo mai!per una lettura da spiaggia il libro scritto da Allevi che consiglio a tutti quelli che suonano uno strumento musicale e che amano fare e assorbire musica!

  8. Pirkaf - 24 aprile 2008 16:38

    Palahniuk tutta la vita. :-)
    Io ci aggiungerei pure Niccolò Ammaniti ti prendo e ti porto via e Fango sono due bellissimi libri( il secondo è una raccolta).

  9. Quadrilatero - 24 aprile 2008 16:57

    E pensare che Faletti l’avevo inserito solo per riempire un po’ la griglia :D
    @ Marco, Sheldon e Matteo: Di fantascienza non c’è penuria. Accolgo a braccia aperte Stross. Asimov l’ho già fagocitato (quasi) tutto (mancano solo alcuni racconti e Lucky Star). Sì, Manfredi avrebbe potuto stare nella lista perché è un altro di quelli che voglio leggere, però è un genere diverso, quindi lo rimando a un altro sondaggio :)
    @ Matteo: Ma chi è White?
    @ Paola: Poi mi devi spiegare perché a te non compare nessuna immagine di fianco al nome.
    @ Loredana: La Giuria ce l’ho già in casa. Sì, per Grisham potrei iniziare da quello.
    @ TFM: Uhmm…. Eppure a me Montalbano ispira. Non ho mai visto la serie tv, ma ha un nonsocheccossa che mi prende.
    @ Leo: These dicks siamo ad aprile e te già parli di spiaggia?
    @ Pirkaf: Con Ammaniti sono reticente. Di Palahniuk da dove iniziare?

  10. nicce - 25 aprile 2008 07:51

    l’unico di questi che ho letto è Lansdale, perciò ti consiglio ovviamente lui, che non mi è affatto dispiaciuto (ho letto “Mucho Mojo”).
    buone letture… ;-)

  11. Pirkaf - 25 aprile 2008 09:19

    Penso che Fight Club sia una lettura obbligatoria…
    Così come anche Soffocare e Ivisible Monster penso insomma siano questi tre libri l’apice di Palahniuk.

  12. ilmarinaio - 25 aprile 2008 13:31

    I consigli del marinaio per la lettura sono i seguenti (provare per credere):

    1) Clive Barker, “Imagica” o i sei “Libri di sangue”
    2) Stendhal, “Il rosso e il nero” o “La certosa di Parma
    3) Beppe Fenoglio, “Il partigiano Johnny” o “L’imboscata”
    4) Michail Bachtin “L’opera di Rabelais e la cultura popolare”
    5) Ippolito Nievo, “Le confessioni di un italiano”

    queste le letture che ho fatto con più gusto

  13. Quadrilatero - 25 aprile 2008 21:50

    Ehm… ragazzi… come dire…
    Innanzitutto grazie a tutti… tutti quelli citati nel post (a parte Faletti) sono autori dalla produzione molto vasta in cui avevo molta voglia di immergermi.
    Grazie Marinaio, mi segno i titoli. Mi incuriosisce soprattutto il 4), per l’amore per Rabelais e perché l’unico che non conoscevo.

    Poi però devo dare la notizia della chiusura del sondaggio :)
    Nonostante i suoi due miseri voti… abbiamo un vincitore. Capirete che in questi giorni dovrò prepararmi all’evento…

    Ordine di lettura:
    1) Lansdale.
    2)… tutti gli altri.
    Il sondaggio continua a essere aperto, ma servirà per determinare chi leggere dopo Lansdale.

  14. paola - 25 aprile 2008 22:07

    se lo saprei te lo spiegassi…

  15. elerand - 26 aprile 2008 13:32

    scusa ma ho visto in ritardo il sondaggio… comunque ti do ugualmente il mio parere… mi accodo a tutti quelli che di faletti consigliano solo “io uccido”. ludlum a me è sempre piaciuto molto. non saprei da che parte cominciare con lui… magari “l’inganno di prometeo” o “protocollo sisma”. camilleri non sono mai riuscito a reggerlo, e di luccarelli ho letto solo “iguana”, che mi è piaciuto a tratti. comunque buona lettura

  16. MaggieTheFlower - 28 aprile 2008 09:23

    Direi di cominciare da Camilleri. Poi Lucarelli ed infine Faletti. Io li ho letto tutti e tre e il papà di “Ringhio Montalbano” è senz’altro il migliore.. ;) Facci sapere!!!

  17. Quadrilatero - 29 aprile 2008 00:00

    Bene, grazie elerand. Se non arrivano nuovi voti partirò da Faletti :D
    Benvenuta Maggie! Grazie per il consiglio! Sicuro, vi terrò aggiornati sugli sviluppi!

  18. Axl - 3 maggio 2008 13:58

    Mica mi ero accorto che la “prima fase” di sondaggio era conclusa…ho votato Lansdale gh.

    Ho letto una raccolta “Maneggiare con cura”, si ha una buona idea “in toto” dell’autore. Personalmente mi è piaciuto.

    Gli altri non fanno proprio per me, qualcuno mi manca ma non ne soffro, qualcunaltro lo tengo alla larga (Grisham è di una pesantezza mortale).

    Ti consiglio in aggiunta Rollins, non è un grande scrittore ma ti assicuro che le trame ti tengono incollato.

    P.S.

    Forse Matteo intendeva Whyte, quello delle Cronache di Camelot?

  19. Quadrilatero - 4 maggio 2008 00:04

    Grazie Axl per Rollins, lo segno. Conoscendo i gusti di Matteo, credo proprio che intenda Whyte.

    Diciamo che in questa lista ci ho sbattuto quasi tutta gente che
    1) non ho letto perché scrive genere che non mi prende molto (camilleri, ma anche Lucarelli)
    2) m’ispira
    3) ho iniziato a leggere ma…

    Lansdale fa parte della seconda categoria. Nella terza ci sta Faletti. Ci farò un post.

  20. Hytok - 8 maggio 2008 21:16

    @TFM: Montalbano non ti piace?!?

    @Quadrilatero: fila a procurarti la serie dei film di Montalbano, non sai che ti sei perso fino ad ora. Di Ammaniti comincia con “Io non ho paura”.

    Di Camilleri, consiglio “Voi non sapete”.

  21. Quadrilatero - 11 maggio 2008 12:44

    @ Hyt: Prima o poi passano tutti, tanto :-)
    Ho detto che avrei iniziato da Lansdale, e invece ho iniziato da Faletti. Delusion.

Have your say