300

31 marzo 2007

300Sono l’ultimo.
Il 301esimo. Tutti, lui l’ha già visto, lei l’ha già visto, persino mio zio Melchiorre ha già visto 300. E, per inciso, non gli è piaciuto perché dice che la storia è la stessa di Iwo Jima e lì almeno c’erano gli aeroplani.
Ah, tra l’altro, sono/sarò anche l’ultimo a vedere Lettere da Iwo Jima, che probabilmente vedrò poi in seconda serata su Rete Quattro, nel 2009.
Ma torniamo a 300. Il film è tratto dalla graphic novel di Frank Miller, lo stesso di Sin City.
Prima di vederlo, ho fatto una cosa illegale: mi sono scaricato la graphic novel in inglese e l’ho letta poco prima di andare al cinema. Lo so, non si potrebbe fare ma d’altronde non avevo tempo di andare in fumetteria e comunque qualche danaro da me il signor Miller se l’è preso poche ore dopo, quando sono entrato in sala.
Il film. In molte scene i colori sono gli stessi del fumetto, i dialoghi sono quasi gli stessi del fumetto. Tutto, quasi tutto, è uguale al fumetto.
Lo dico subito, mi è piaciuto. Un tripudio di colore, di azione, sangue, morte e violenza come non vedevo da tempo. Anzi, come non ho mai visto. Dialoghi ai minimi termini ma, cribbio, un film così ha davvero bisogno di dialoghi? L’avessero fatto muto mi piaceva uguale. Anzi, forse era meglio, così non sentivo l’AU!!!” Il più ridicolo urlo di battaglia dai tempi di “Cowabunga!” delle tartarughe ninja.
Cose che non mi sono piaciute molto: l’uccisione del messaggero (nel fumetto è molto più diretta e senza troppi discorsi e scusanti), alcune mozzature di teste inverosimili, altre cose sparse ma nulla di importante.
Un film che dà la carica, da guardare magari prima di una partita dell’Italia, ma – mi ripeto – con un grido di battaglia ridicolo che continuo a sognare persino di notte.
Un bel film d’azione, una bella storia che in due ore non annoia mai.
Questo è quanto. Chi ha voglia di addentrarsi nelle polemiche, clicchi qui.
[...]

Il saccente aveva torto

28 marzo 2007

Chuck Norris
(Immagine rielaborata da questo originale)
In realtà l’avevo dimenticato, l’avevo messo nel cestino delle persone inutili e, come capita a volte sul desktop, ora mi accorgo che è ancora lì dentro da anni.
Lo ricordo con fastidio ancora adesso, quel tipo saccente che non so perché era uscito con noi quella sera.
Quell’individuo non l’ho mai più visto, fortunatamente, ma ricordo con disappunto quell’aria da chi la sa lunga, quando invece si vedeva lontano un miglio che non sapeva un’emerita sega.
Il saccente. Sì, anch’io a volte sono saccente. Ma lui di più.
I peggiori istinti dell’uomo, in sua presenza, escono in superficie e ti trasformano in un animale votato allo sterminio dei saccenti. Se sei sfortunato, dalla disperazione ti trasformi in un animale votato al suicidio. In questo modo, almeno, sei sicuro di non sentire più quel che dice.
Ebbene, quell’emerita testa vuota, tra le tante cretinate dette, al fatto che io dicessi che bere aspirina e Coca Cola non facesse nulla, aveva risposto che:
“NO NO NO! Mio padre è medico e mi ha confermato che mischiare aspirina e Coca Cola, a causa dei loro reagenti chimici, ti scombina tutto il cervello!”
Sorvolo sul fatto che uno che dice “ti scombina il cervello” non dovrebbe avere il diritto di parola. Sta di fatto che passando sul sito di Paolo Attivissimo, ho finalmente la conferma definitiva che IO avevo ragione (aggiungerei un “come sempre” ma diventerei saccente), che suo padre è un medico da radiare e soprattutto che LUI aveva torto.

Il mio primo nemico

25 marzo 2007

Agosto 2006
Nero contro l'uccellino giallo
Quell’uccellino giallo, con becco verde, occhi vispi e cappellino arancio era insopportabile. Nella vita, gli uccellini devono capire che non possono svolazzare davanti ai gatti, anche se sono piccoli e neri come il sottoscritto!
La cravatta rossa poi era un vero e proprio affronto. La lotta è stata dura, l’avversario era uno tosto… ma alla fine ho vinto. Innanzitutto gli ho cavato gli occhi, poi gli ho staccato il cappello e, con morsi decisi e precisi, pian piano sono riuscito persino a staccargli la testa. Nemici, fatevi avanti. Vi batterò tutti.

Nero

Useless Stats & Audio Player

24 marzo 2007

In cerca di un nuovo contatore di visite (credevo erroneamente che quello vecchio si fosse rotto e invece ero io che lo avevo smontato. Grazie Sheldon per la dritta!) ho trovato per caso questo Useless Stats, letteralmente “statistiche inutili”.
In effeti le statistiche che genera sono pure curiosità, di poca utilità ma simpatiche.
Vi farà piacere sapere che sul blog sono stati fatti 0.71 post al giorno (media alzata di parecchio con gennaio. Ora giro su tre post a settimana, uno ogni due giorni circa).
Il giorno in cui pubblico meno è la domenica e in Marzo ho pubblicato solo il 15% del totale.
Il giorno più buono per i commenti è il Lunedì, mentre il più gramo è il Venerdì.
Gli argomenti che più tirano sono i fumetti, l’attualità, l’Angolo di Nero e la categoria Nostalgia.
Sì, sono statistiche inutili.
Ho poi provato a installare un plugin per inserire un lettore mp3 nei post. Ho messo questo Audio Player ma quella riga verde mare non mi piace per nulla. Carino, ma – se ne conoscete di migliori – segnalate pure.

EDIT: Ho anche tolto quasi tutte le parole in inglese dai vari menu di wordpress, anzi, dal tema di WordPress, ché WP era già in italiano. Ho inoltre sostituito il colore del Player. Di base era questo #9FFFB8, ora è questo #f8f8f8.

Le fotocopie pirata

23 marzo 2007

Sui free-press torinesi c’è una notizia che tutti si aspettavano da tempo.
blitz nelle copisterie “ladre di libri, ovviamente si parla delle copisterie di via Fratelli Carle e via Bonafous.
Alzi la mano chi non ha trasgredito almeno una volta.
Il giro di soldi che si fanno è enorme. In media tre libri a corso, 30 euro, contro i 60-70 (anche di più) che si spenderebbero nelle librerie. Un risparmio non indifferente per gli studenti che per legge dovrebbero invece fermarsi al 30% di fotocopie per libro.
Non preoccupatevi, sento che tutto tornerà come prima a breve.

Il mese giusto

22 marzo 2007

Sono tendenzialmente tirchio e nel corso dello scorso anno, sapendo che verso Marzo-Aprile gli Oscar Mondadori sarebbero andati in sconto, ho evitato accuratamente di comprare libri di questa collana, puntando prevalentemente su altro.
Ora è il mese giusto per comprare gli Oscar… Il problema è che la lista è fin troppo sterminata.
Andiamo con qualche consiglio per gli acquisti (la mia lista dei più papabili) in rigoroso ordine alfabetico.

Ma quest’uomo…

20 marzo 2007

foto proveniente da www.il-processo-a-internet.com
…si è accorto che nei suoi editoriali di motivazioni e scuse non ha detto neanche una frase che avesse un senso logico e che rispondesse alle critiche?
… sa essere obbiettivo e imparziale rispettando il codice deontologico professionale?
*Perdonabile* il paparazzo in quanto comune mortale, ma non il direttore che dovrebbe seguire una direttiva suprema che regola la sua vita lavorativa e dalla quale dipende l’intera opinione pubblica. Che lo innalza sopra ai comuni mortali e che lo rende censore a nostro beneficio di quel che la gente deve sapere.

Art. 6.2: “La sfera privata delle persone note o che esercitano funzioni pubbliche deve essere rispettata se le notizie o i dati non hanno alcun rilievo sul loro ruolo o sulla loro vita pubblica.”

E poi si lamentano che la gente non legge più…

Battlestar Galactica – prima stagione

19 marzo 2007

starbuck.jpgVista! Iniziamo subito dicendo che mantere il livello di tensione e di qualità del pilot era impossibile.
Visti tutti gli episodi dritti e filati in poche sere e la tensione della trama inizia finalmente a cedere. In effetti non si poteva continuare a stare con il cuore in gola ancora per molto e così alla fine della seconda puntata regolare riescono finalmente a scollarsi dai cyloni e a far respirare lo spettatore.
Che c’è di nuovo rispetto al pilot?
Bella la fuga di Helo e Boomer 2 su Caprica, inseguiti da Cyloni e Biondone. Baltar alterna momenti in cui affascina, ad altri in cui fa sorridere, ad altri in cui non ha senso. Apollo ok, Kara ok, Adama molto ok, Roslin un po’ comatosa ma ok.
Tutto il resto può dare a noia. A volte le puntate non decollano ma in sostanza il tutto è fatto con molta qualità. Dalle prime puntate si ha la sensazione che le cose verranno tirate avanti per le lunghe, invece con la fine di stagione alcune cose vengono fortunatamente chiarite.
Il finale di stagione è perfetto. Storia doppia giusta, personaggi giusti, vicenda giusta, azione giusta, cliffhanger giusto (visto che non ho resistito e ho subito guardato la 2×01). Ho già iniziato la stagione due ma in ben due puntate mi sono addormentato. Cattivo segno.

Per i giudizi in dettaglio della prima stagione cliccate qui. [...]

Angkor Wat

15 marzo 2007

Recentemente è stato indetto un concorso (con scadenza posticipata) per determinare le sette nuove meraviglie del mondo. Angkor Wat deve entrare nelle sette.
L’enorme tempio khmer si trova in Cambogia ed è considerato il più grande sito religioso del mondo.

Alcune foto di Angkor Wat su flickr.
(le foto ovviamente non sono mie, visto che non ci sono mai andato…)
Angkor Wat in viola
Angkor Wat e i celebri acquitrini del canale
Angkor Wat maestosa
Vien da pensare che sia finto
V’è venuta voglia di andarci, eh?
Riflessi incredibili
Un posto magico
Una scalinata verso l’ascesi
Angkor Wat in rosso
Angkor Wat in blu